PLAIN WRAPPER PRESS
di Richard-Gabriel Rummonds e Alessandro Zanella


Nel 1966, a Quito, in Equador il giovane californiano Richard-Gabriel Rummonds stampa con un tirabozze il suo primo libro: Eight Parting Poems. Sono testi di Rummonds, poesie da lui stesso composte e stampate per gli amici, raccolte e cucite in una copertina di colore bruno, una anonima carta da pacchi, ossia una “plain wrapper”, il nome che da lì in avanti distinguerà le future edizioni.
​​​​​​​Plain Wrapper Press sarà infatti la private press che partendo da Quito si trasferirà poi a New York e pubblicherà ancora tre titoli per traslocare quindi nel 1970 a Verona, allora meta di interesse per  bibliofili e cultori dell’arte della stampa, dove hanno sede le officine grafiche Arnoldo Mondadori e l’Officina Bodoni.
Sul finire del 1976 Alessandro Zanella si avvicina alla stamperia, dapprima in qualità di apprendista e poi come socio. La stamperia Plain Wrapper Press produrrà complessivamente trentasei titoli fino al 1982.




I LIBRI
 
(Bertha Molke) Paul Zweig,  Images &​ Footsteps : a poem - Plain Wrapper Press, Verona (1971)

(Emilio Tadini) Luigi Santucci, La donna con la bocca aperta - Plain Wrapper Press, Verona (1980)

(Garrick Palmer) John Fuller, The Ship of Sounds - Plain Wrapper Press, Verona (1981)

(Cora C. Fletcher) Fulvio Testa, The Emperor’s Lyon - Plain Wrapper Press, Verona (1976)   
                    
(Ariel) Jack Spicer, A lost poem - Plain Wrapper Press, Verona (1974)


 
 
 
 
  Site Map